All’incirca e pressappoco

Lun, 20/03/2017 - 10:57 -- Fabio Borselli

 

Che, nel vocabolario, sono sinonimi.

Il PRESSAPPOCHISMO è, sempre da vocabolario, “la tendenza, l’atteggiamento tipico di chi, nel lavoro o in qualsiasi altra attività, si accontenta dell’approssimazione, senza preoccuparsi affatto dell’esattezza e della precisione” (fonte vocabolario online Treccani).

Baseball e softball sono, lo sento ripetere da sempre, lo sappiamo bene, sport di numeri, di statistiche esatte e precise, sport nei quali, per la loro natura di essere misurabili e analizzabili, non ci dovrebbe essere spazio per il CIRCA e il PRESSAPPOCO.

Eppure…

Eppure tutti noi, nessuno escluso, abbiamo detto (e continuiamo a dire...) cose del tipo:

“facciamo UN PO’ di stretching”, “ fate QUALCHE giro di campo”, “riscaldiamo UN PO’ il braccio”, “adesso UN PO’ di corsa, poi UN PO’ di battute”…

Potrei continuare… Purtroppo potrei continuare…

Di sicuro la mia formazione culturale e professionale mi impedisce di affrontare un qualsiasi argomento senza conoscerne le basi e i fondamenti.

Di sicuro prima di parlare cerco di capire e se c’è qualcosa che non conosco cerco di informarmi.

Fortunatamente non sono il solo.

Conosco persone che, quando devono cambiare lo smartphone, l’auto, un nuovo elettrodomestico oppure scegliere il luogo per una vacanza, diventano “esperti di caratura mondiale” su quello specifico argomento:

fanno ricerche sul web, leggono libri e riviste, fanno domande, si fanno domande…

Cercano di capire e, immancabilmente, fanno scelte oculate e soddisfacenti, scelte che dimostrano capacità di imparare anche in ambiti che non sono loro consoni o abituali.

Spesso, purtroppo troppo spesso, quello stesso rigore, quelle stesse persone, non lo applicano, però, al baseball e al softball.

Mi sono trovato in discussioni con colleghi allenatori di baseball e softball e ho, amaramente, constatato che il nostro modo di fare le cose è diverso da quello che fanno GLI ALTRI.

Mi sono trovato in discussioni con colleghi allenatori di altri sport e ho dovuto, amaramente, constatare che GLI ALTRI ci vedono come dei “simpatici e pittoreschi dilettanti”, non come gli esperti preparatori di atleti che invece diciamo di essere.

Il problema, credo, è che questa immagine che diamo è vera. Assolutamente vera. Tristemente vera.

Purtroppo la scienza dello sport è assente ingiustificata dai nostri campi.

Non sappiamo, non conosciamo, non studiamo…

Certo, sappiamo tutto sulla battuta o sul lancio, ma ci facciamo domande su come si allenano o come si dovrebbero allenare, veramente, queste abilità?

Parliamo di errori e correzioni, ma sappiamo davvero su come e cosa si deve (o non si deve) correggere?

Facciamo le stesse cose, le stesse identiche cose sia che i nostri atleti siano dodicenni o trentenni, ma ci poniamo domande sul “come funziona” e sul come apprende, veramente, un essere umano?

Sappiamo cosa porta al campo i nostri atleti e come sostenere la loro motivazione?

Abbiamo un idea di quanti danni (che gli atleti scopriranno e pagheranno più avanti, quando non giocheranno più) rischiamo di provocare sbagliando esercizi, carichi, modalità, intensità e tempi dell’allenamento?

Siamo certi che "allenare" sia la parola giusta quando lavoriamo con bambini e adolescenti?

Siamo consapevoli, sempre e comunque, di cosa stiamo, realmente, facendo?

Secondo me, l’ho già detto e ripetuto così tante volte da risultare pedante e antipatico, la strada per cambiare la visione che GLI ALTRI hanno di noi è solo e soltanto una:

quella della professionalità, quella della conoscenza, quella della competenza.

Una volta per tutte dovremo trovare il modo di rappresentarci come SCIENZIATI e STUDIOSI dei nostri sport:

SCIENZIATI alla ricerca di conferme, pronti a diffidare dei sentito dire, pronti mettere alla prova tutte le certezze acquisite e a superare le convenzioni se queste si dimostrano prive di rigore e fondamento scientifico.

STUDIOSI disposti ad analizzare ogni aspetto, ogni particolare, ogni più piccola inezia per acquisire conoscenza da mettere a disposizione degli atleti.

Insomma allenatori disposti a studiare e sviluppare, appunto, la SCIENZA DEL BASEBALL E DEL SOFTBALL che, sono convinto, non è fatta e non può essere fatta di “un PO’ di questo e un PO’ di quello”.

Il tutto, anche, per farci sedere allo stesso tavolo di quelli che, continuando a essere quelli dell’ALL’INCIRCA E PRESSAPPOCO, ci considerano allenatori “per finta”.

 

Se ti è piaciuto questo post forse ti potranno interessare anche:

Tentar non Nuoce

Problem Solving

A proposito di Apprendimento Motorio

Profeti e Profezie

Allenare le Capacità di Differenziazione

Specchio, specchio delle mie brame… Apprendimento Motorio e Neuroscienze

 

Campioni Senza Valore

Dom, 05/03/2017 - 22:48 -- Fabio Borselli

 

Questa volta è un invito alla lettura.

Il libro si intitola “Campioni senza valore”, è stato scritto dal Prof. Alessandro Donati ed è edito dai tipi di Ponte alle Grazie, nel lontano 1989.

Donati è un allenatore di atletica leggera e, ricercando sul web, il suo nome si incrocia con quello del marciatore Alex Schwazer ( e qualsiasi opinione si abbia sul “caso Schwarzer” la lettura del libro…).

Sappiate che il volume in questione è pressoché introvabile:

poche settimane dopo la sua pubblicazione è sparito misteriosamente e non certo per volere di Donati.

Fortunatamente alcuni appassionati sono riusciti a recuperare una copia, pubblicandola sul web.

Lo stesso Donati racconta che la copia di “Campioni senza valore” in suo possesso l'ha ottenuta scaricandola da internet (questo il link…)

Il libro parla di atletica, di doping, di sport, di scienza, di pseudoscienza, di interessi economici , di dignità e di valori.

Il libro fa nomi e cognomi, riporta fatti, punta il dito sul doping e  lo condanna, senza se e senza ma.

MI chiederete:

cosa c’entra con il baseball e il softball?

Forse poco, anzi, a dire il vero, spero nulla, ma la mia anima di sportivo freme.

Credo che l’argomento sia, o debba diventare, oggetto di studio per chi, professionalmente o meno, si occupa di “allenare”.

Non è possibile girare la testa e sperare che l’argomento “non ci tocchi”, perché credo che una delle caratteristiche più letali del doping sia la falsa convinzione che, dopotutto, possa essere “un problema degli altri”.

Vi avviso che è un libro tosto, che non fa sconti. Come dovrebbe essere quando si parla di sport (ma non solo…).

Vi invito a leggerlo, io l’ho fatto… Tutto d’un fiato.

 

Se ti è piaciuto questo post forse ti potranno interessare anche:

Bagaglio al seguito…

Eurovisione

Auto-Intimidazione

Nessuno è perfetto

Una sfida: "Ventuno Eliminati"

 

Una casa per gli ATOMICS

Mer, 01/03/2017 - 09:43 -- Fabio Borselli

 

Quella che campeggia sulla testata di questo post è la copertina della nuova Graphic Novel che vede gli Atomics protagonisti.

Una nuova avventura che vedrà, come al solito, la squadra più simpatica del baseball affrontare e provare a risolvere i problemi che ogni "vera" squadra di baseball affronta ogni giorno.

Come al solito pensarla e disegnarla è stato davvero molto divertente. L'augurio che ci facciamo è che lo sia altrettanto leggerla...

Ma le novità non finiscono qui:

questo è anche il post con i quali gli Atomics salutano i lettori di SOFTBALL INSIDE per spostarsi nella loro nuova casa.

A partire da oggi, 1 marzo 2017, infatti, CASA BASE ha un suo sito dedicato.

Il sito, che è possibile trovare all'indirizzo www.fumettocasabase.com, contiene la prima pagina della nuova Graphic Novel, oltre a tutto quanto è stato pubblicato in questi anni.

Naturalmente gli ATOMICS non lasceranno del tutto SOFTBALL INSIDE visto che almeno per il momento, le pagine in inglese non hanno una loro collocazione nel novo sito (ma ci stiamo lavorando alacremente...).

Salutando con una lacrimuccia l'intero TEAM ATOMICS speriamo che la nuova sistemazione sia gradita quanto la nuova avventura.

D'altra parte, come al solito, sarebbe un peccato perdersela.

 

Ritorno al Futuro

Lun, 20/02/2017 - 11:55 -- Fabio Borselli

 

“I bambini di oggi non sono coordinati”.

“Quando ero piccolo io si andava fuori a giocare per strada e i ragazzi erano agilissimi”.

“PRIMA gli atleti (le atlete) erano più…“  (aggiungere quello che volete al posto dei puntini: forti, motivati, capaci ecc…).

Alzi la mano chi non a mai sentito almeno una di queste frasi, almeno una volta, sia che si fosse in un campo di baseball o in una palestra, a un corso per allenatori o a una Convention, a un aggiornamento tecnico o fuori dal bar del campo.

Purtroppo sono frase che io sento e ho sentito ripetere spesso.

Sarebbe facile rispondere e smentire con il buon senso ognuna di esse ma credo che invece, debbano essere ascoltate e comprese per quello che dicono e rappresentano:

oltre a esser luoghi comuni sono contemporaneamente, a mio parere, una richiesta d’aiuto e una dichiarazione d’impotenza che, più o meno possono essere riassunti così:

“i tempi sono cambiati, i ragazzi e le ragazze che vengono a giocare a baseball e a softball non sono COME quelli che ho allenato fino ieri.

Io che li devo allenare, gestire, formare e aiutare ad appassionarsi al gioco non li capisco e loro non capiscono me.

Hanno difficoltà motorie e di apprendimento, non sono attenti e le mie proposte e tutto quello che fino a ieri andava benissimo adesso non funzionano più…”

Scherzosamente, dico sempre a chi ha nostalgia del passato che, procurandosi un lungo cavo elettrico, un campanile, un gancio metallico e sperando in una notte di fulmini e temporale, dopo aver acquistato una DE LOREAN (per chi è interessato, qui c’è il sito web…) può provare, raggiungendo le fatidiche 88 miglia orarie, a fare un salto indietro nel tempo, per vedere se riesce a ritrovare quei bambini “selvatici”, che tutto sapevano fare, e quegli splendidi atleti (e atlete) le cui gesta fanno parte della mitologia dei nostri sport.

Sarebbe bello? Forse…

Ma credo che sarebbe meglio prendere atto della situazione e provare a capire se è possibile risolvere il problema.

Prima di tutto io penso che non sia vero, o che lo sia solo in parte, che i bambini e gli atleti del passato erano migliori:

erano diversi, magari più “coordinati” (dovremo discutere sul reale significato della parola…) magari più appassionati, magari più “disponibili”.

Questo vuol dire migliori?

Se i bambini del passato erano coordinati e se i nostri giovani non lo sono, allora, banalmente, coordiniamoli…

Se non sono appassionati, allora appassioniamoli…

Non è che non abbiamo i mezzi e le possibilità, nemmeno ci mancano le capacità.

Forse è venuta a mancare la voglia.

I ragazzi di oggi ci chiedono passione, dedizione, attenzione, tutte cose che siamo, lo so per certo, capaci di dare, come singoli e come movimento e allora cosa si è guastato? Cosa non funziona più? Cosa ci fa solo guardare indietro e rimpiangere il passato, che, è bene ricordarlo, non c’è più?

Perché siamo caduti, anche noi, vittime del nostro EGO e diventati cacciatori di facili vittorie?

Perché abbiamo smesso di cercare soluzioni a problemi difficili?

Perché siamo diventati campioni nel piangerci addosso?

Perché non vediamo che adesso abbiamo impianti, materiali, informazioni, conoscenze che prima non avevamo?

Perché vogliamo, a tutti i costi, scimmiottare sport da noi più popolari o metodiche che funzionano solo dove il nostri sport sono conosciuti, praticati e radicati?

Forse, dico forse, l’alternativa al viaggio nel tempo è prendere atto della realtà e provare, animati dal fuoco sacro della passione, a cercare una strada che (ri)porti il baseball e il softball ai fasti (o presunti tali) del passato.

Non ho la presunzione di conoscere tutte le risposte, ma credo fermamente che la nostalgia non sia quella strada.

 

Se ti è piaciuto questo post forse ti potranno interessare anche:

Tris

D.A.E.

Sui campionati giovanili

Ancora sulle competizioni giovanili

Diritti dei bambini nello sport

 

Turni di battuta di qualità

Lun, 13/02/2017 - 08:08 -- Fabio Borselli

 

Rubo questa foto dal profilo facebook di Coach Tony Foti, pitching coach di MT State University (NCAA Softball Division 1) e Head Coach della Nazionale Greca.

Rubando oltre alla foto anche la definizione di “Quality At Bat” (QAB) viene fuori che è possibile, naturalmente rispettando i parametri, “dare un contributo agli obiettivi di squadra”,  anche non battendo valido, anche non battendo un fuoricampo, anche concludendo il turno con una eliminazione.

Sembra un paradosso, ma non lo è.

Basta guardare come giocando per MTSU è possibile ottenere un QAB:

  • facendo un contatto “duro”;
  • pensando prima alla “famiglia”… (Un turno di sacrificio, quindi…);
  • facendosi colpire dalla lanciatrice avversaria;
  • guadagnando una base per ball;
  • costringendo il pitcher avversario a fare almeno 7 lanci;
  • facendo segnare un punto, non importa in che modo;
  • realizzando una battuta sul conto di due strikes;
  • facendo lanciare almeno altri 4 lanci quando si è sul conto di 0 ball e 2 strikes.

I criteri scelti da MTSU sono questi, ma nulla vieta di utilizzarne degli altri.

Quello che conta è che l’obiettivo dichiarato della squadra è quello di raggiungere una media QAB di 500, cioè di riuscire a “far succedere qualcosa” almeno la metà delle volte in cui si manda un battitore nel box.

A me sembra un bel modo di pensare.

 

Se ti è piaciuto questo post forse ti potranno interessare anche:

Attivare la Modalità Partita

Angle Down!

A prova di Errore

Pragmatica della Comunicazione Umana

Il Gruppo e la Squadra...

A proposito di SPEAKER’S CORNER

 

AAA cercasi sponsor per gli ATOMICS

Ven, 10/02/2017 - 08:08 -- Fabio Borselli

Risultati immagini per tapas app

 

Proprio come tutte le squadre del mondo… anche gli ATOMICS di CASA BASE cercano sponsor.

A breve lanceremo il nuovo sito, a breve lanceremo la nuova Graphic Novel, a breve, SOPRATTUTTO, gli ATOMICS inizieranno il campionato!

I “MI PIACE” sulla pagina Facebook, le telefonate, i messaggi, i complimenti...

Tutte cose gratificanti ma che non “pagano” le palline, le divise e tutto ciò che serve ai nostri ATOMICS per giocare.

Non chiediamo soldi, sia chiaro, almeno non direttamente e non vogliamo mettervi le mani in tasca.

come magistralmente spiegato dal nostro PRESIDENTE nella striscia speciale “Casa base Extra Inning # 14 "Presidente - Sponsor" sostenere a costo zero (per voi) gli ATOMICS è davvero un gioco da ragazzi.

Per prima cosa occorre scaricare sul vostro telefono cellulare o sul vostro tablet, tramite GOOGLE PLAY (dispositivi ANDROID) o tramite APPLE STORE (dispositivi APPLE) l’applicazione TAPAS.

Una volta registrati, oltre a leggere le strisce di CASA BASE, è possibile, “subendo” qualche minuto di filmati pubblicitari, “guadagnare” delle monetine, le TIPS COIN.

Basta poi clikkare sull’icona delle donazioni, questa

Risultati immagini per app tapas

che si trova in fondo alla striscia e far arrivare le TIPS COIN direttamente agli ATOMICS.

Ricapitolando è facile, è gratuito… Cosa vi costa?

Grazie in anticipo a chi vorrà sostenerci.

 

Line-Up

Lun, 06/02/2017 - 08:08 -- Fabio Borselli

 

A volte ci chiediamo chi ce lo fa fare...

Poi arrivano i ragazzini della QUINTA A e ti consegnano i LINE-UP per la partita del pomeriggio.

Secondo incontro:

a malapena colpiscono la palla.

A malapena riescono a tirarla dove dovrebbero.

A malapena si ricordano di toccare tutte le basi.

A malapena...

Ma i LINE-UP... I LINE-UP... Quelli sono da brividi sotto la pelle.

Due "manager", ognuno con il suo stile:

quello "in bianco e nero" che ha bisogno di ribadire l'ordine progressivo, quello "in rosso" meno rigoroso (tanto l'ordine è quello...).

Entrambi, per non sbagliare, si mettono al primo posto.

Entrambi non scrivono il proprio nome, non ne hanno bisogno, loro sanno, esattamente, chi sono.

Entrambi sono "IO" nel proprio LINE-UP.

Non mi viene in mente nesun altro "luogo" nella scuola oltre al BASEBALL dove un bimbo può essere soltanto "IO".

E ancora qualcuno si chiede come si fa a non diventare romantici con questo gioco...

 

Se ti è piaciuto questo post forse ti potranno interessare anche:

La Sfortuna non esiste?

Corsa sulle Basi: principi per l'allenamento

Attivazione, Stress e Performance

Corsa sulle Basi: allenare le situazioni di gara

Qualche considerazione sul Pre-Game

Specializzazione Precoce? No, grazie!

 

Pagine

Abbonamento a Front page feed