“ALLENARE I GRANDI”

Torna sullo SPEAKER’S CORNER di SOFTBALL INSIDE il tecnico-scrittore NICCOLÒ BRUSINI.

Toscano D.O.C. Niccolò è un allenatore di fresca nomina ma con le idee chiare.

Facile capirlo, del resto, come si può  capire da quello che scrive.

Naturalmente, non condivido in toto il suo pensiero e il suo argomentare.

Cero è che questo suo breve “articolo”, nato quasi per scherzo a margine di una “conversazione epistolare”, offre spunti interessanti.

Lascia trasparire una grande passione e, ultimo ma non ultimo, lascia intendere che Niccolò è molto attento ai particolari.

***

Se per qualche congettura astrale, dopo aver allenato squadre di principianti, vi trovate ad allenare una Serie C o superiore, dovrete reimpostare completamente il vostro approccio all’allenamento e ai giocatori.

Da essere Istruttore o Educatore vi troverete a essere veri Allenatori.

Se da una parte potrete essere più diretti ed espliciti con loro, dall’altra dovrete mettere in conto che qualcuno sarà pronto a rispondervi sia come tono che come linguaggio e stavolta le occhiatacce ed i giri di campo non saranno sufficienti.

Ecco allora che questa fase va divisa in due:

approccio tecnico ed approccio emozionale.

Partiamo dall’emozionale.

Come prima cosa dovrete cercare di categorizzare i vostri atleti dal punto di vista comportamentale e caratteriale.

Non mi stancherò di ricordarvi di farvi delle schede e di prendete appunti.

Serve a voi per impressionare nella mente meglio alcune cose e serve alla squadra per sentirsi comunque sempre controllata.

Una volta che avrete “letto” i vostri atleti potrete iniziare ad allenarli.

Ognuno di voi avrà modi diversi di fare e possiamo quindi distinguervi nelle seguenti macro categorie:

  • Allenatore duro,
  • Allenatore amico,
  • Allenatore tecnico,
  • Allenatore distaccato.

Queste categorie non sono le stesse che si ritrovano per i bambini perché il vostro “pubblico” è completamente diverso.

Ovviamente la giusta commistione tra questi porterebbe al Manager perfetto, ma si sa… Nessuno è perfetto.

Quindi cerchiamo di capire, a seconda della categoria dove vi mettete, quali possono essere i migliori consigli per voi.

La difficoltà dell’allenatore duro sta nel fatto che deve esserlo sempre.

E con tutti.

Altrimenti perde di credibilità.

Dovrà mantenere l’ordine a forza di giri di campo e di flessioni, non potrà permettere momenti di stanca, non avrà mai modo di fare una battuta in più o di passare sopra a mezze frasi sentite o immaginate.

Sicuramente un allenatore così manterrà alta la concentrazione in allenamento ma aumenterà anche la possibilità di errore dovuta al timore di sbagliare e spesso correrà il rischio che la squadra si rivolti contro di lui anche se non apertamente.

Dall’altra parte l’allenatore amico rischierà di trovarsi in mezzo ad allenamenti all’insegna dell’anarchia. Materiale buttato nel mezzo, atleti che non fanno quello che gli viene detto, risposte torte da parte dei vostri atleti.

Sicuramente il rapporto sarà più alla pari ma porta ad una serie di difficoltà che difficilmente porteranno a buoni risultati.

Personalmente sconsiglio un rapporto così paritario tra voi e i vostri ragazzi perché per quanto bello possa sembrare vi impedirà di fare il vostro lavoro.

L’allenatore tecnico è quello che spiega ogni cosa dal punto di vista prettamente tecnico

Che va avanti a fare millemila swing fino a che questo non viene eseguito nel modo corretto (che non sempre è il più efficace).

Questo tipo di allenatore interromperà continuamente ogni fase di allenamento per riposizionare, spostare, far notare, riprendere ogni movimento sbagliato.

L’allenatore tecnico andrà aventi a spiegare i gesti tecnici anche più volte nello stesso allenamento, anche allo stesso atleta.

L’allenatore distaccato è colui che prepara l’allenamento e qualsiasi cosa accada prosegue finché non lo porta a termine.

Seguito o no, compreso o no lui procede dritto senza domandarsi se gli atleti gli stanno dietro o lo capiscono.

Sa che l’allenamento che ha impostato può essere eseguito senza problemi quindi non si smuove di un passo.

Una volta che avete deciso in quale allenatore vi rispecchiate di più dovrete cercare di adattare il vostro essere ai vostri atleti facendogli credere ovviamente che la cosa si svolge al contrario.

Niccolò Brusini

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *