“E CON LA MATEMATICA?”

Torna lo SPEAKER’S CORNER di SOFTBALL INSIDE e già questa, di per se, è una grande notizia!

Qui da noi è, infatti, difficilissimo, se non impossibile, trovare degli “scritti” originali di “addetti ai lavori” che abbiano qualosa da dire e disposti a “mettersi in gioco” (o a svelare qualche loro “segreto”).

Credo che, purtroppo, il nostro movimento, fino ad ora, sia stato incapace di elaborare strade originali, che non fossero la banale “fotocopia” di quello che si vede fare “aldilà del mare” .

Credo, anzi ne sono sicuro, come ripeto da tempo, che ci sia, ora più che mai, bisogno di diffusione delle idee, di confronto sulle stesse, di “sano contendere”, di teorie e studio che ci permettano, finalmente, di elaborare “le possibili vie italiane al baseball e al softball”.

Spero che questo mio sentire non sia solo mio e che, prima o poi, si possa, almeno, cominciare a discuterne.

Proprio per questo SOFTBALL INSIDE continua a mettere a disposizione, di CHIUQUE nel nostro movimento senta di avere qualcosa da dire, uno spazio libero, aperto, in cui “dare voce” ai propri pensieri.

In quest’ottica ecco che la breve riflessione dell’amico ANDREA DE ANGELIS, suscitata dal mio post Ma se lo sappiamo, pechè non lo facciamo?”, assume la forza di una vera e propria provocazione su tutto quello che significa, realmente, preparare la prestazione.

Un Grazie ad Andrea per la sua “presenza”.

***

Ma con la matematica funziona?

Le interminabili discussioni sul “giusto” metodo di allenamento, passando per l’insegnamento dell’algebra, mi hanno fatto riflettere spesso e volentieri.

Durante la preparazione dei miei allievi (matematici) quando ne ho avuto occasione ho sempre portato la preparazione dei ragazzi a un parallelo sportivo che penso e spero sia poco discutibile:

“puoi essere preparatissimo e toppare il compito (o la partita) oppure essere in difficoltà e sfoderare la prestazione da secchione (o da campione)”.

Come ci si deve preparare alla prestazione è il contendere in essere su cui tutti discutiamo.

Il “Modello Prestativo”, a mio parere, parere di “matematico” naturalmente, ha un grosso nemico:

il tempo.

È inequivocabile (e sembra scientificamente indiscutibile) che la differenziazione nell’allenamento porti a risultati migliori (nel lungo periodo) ma, nella matematica. funziona allo stesso modo?

Sto sperimentando (lo confesso, sto usando un ragazzo in difficoltà con la matematica come cavia) per togliermi la curiosità di verificare se la “differenziazione” negli esercizi (di matematica) possa portare a risultati migliori.

La sperimentazione comincia adesso, in settembre, perché “ho tempo”, quando ho cominciato a seguirlo e prepararlo, in aprile dello scorso anno, non ne avevo e ho dovuto scegliere la “strada conosciuta” delle infinite ripetizioni, per fargli svolgere al meglio l’esercizio di gara (compito in classe o interrogazione).

Cosa c’entra questo con il baseball?

Molto.

Salvare un ragazzo da una certa bocciatura è come salvare una squadra dalla retrocessione:

si lavora in campi sporchi, polverosi e mal segnati, con scarso “materiale umano” a disposizione, ma la scelta del metodo dipende sempre dal TEMPO a disposizione.

Nel baseball è facile sperimentare…

Ma in matematica?

“E se lo bocciano?”

Andrea De Angelis

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *